Incidente a Cannes…lettera aperta

Incidente a Cannes…lettera aperta

04Ieri dom. 10/10/2010 mentre surfavo in compagnia dei miei amici a Cannes, località Palm Beach, alle ore 14.00 venivo urtato violentemente da un altro surfista, che qui chiamerò mister C(CODARDO), visto che dopo avermi urtato violentemente, è fuggito senza identificarsi e, cosa ben più grave, senza prestarmi soccorso, essendo io ferito e impossibilitato a riprendere la navigazione.

Stavo facendo il bordo in uscita e mi accingevo a puntare un’onda per eseguire un salto, quando da sopravento mister C si lanciava al lasco e mi puntava, io ho lascato più che ho potuto per tentare di evitare la collisione, ma mister C mi ha letteralmente centrato inforcandomi con la prua della tavola nel mio inguine interno coscia dx. a velocità elevata, senza cercare di evitarmi. L’impatto è stato violentissimo, ho accusato un forte dolore cervicale, al fianco dx.,all’avambraccio sx e il mio arto inferiore dx era letteralmente “paralizzato” dal dolore.

Ero in mezzo ai frangenti, in un punto vicino ad una scogliera, a seguito dell’impatto con mister C ho perso il mio rigg che è stato trascinato dalle onde lontano da me. Mister C ha perso anche lui il rigg, ma solo a pochi metri di distanza, ho visto che ha nuotato per recuperarlo senza minimamente preoccuparsi della mia “incolumità”, dopo che mi è venuto addosso. Una volta raggiunta la sua attrezzatura, è ripartito come un razzo portandosi sulla battigia e dileguandosi senza preoccuparsi di me. Ho potuto vedere che l’unica sua preoccupazione è stata quella di controllare che il suo rigg non fosse rotto a seguito dell’urto quando l’ha raggiunto a nuoto dopo l’incidente.

Io ho rischiato di affogare, non riuscivo a nuotare dal dolore, per fortuna un’onda mi ha travolto e mi ha portato verso la spiaggia. Una volta raggiunta la spiaggia i miei amici tra cui la mia ragazza, Nic, Brugna, Toni e Mattia Fabrizi, Lele, Michele e Marta Dossi, Supermax, Mirco Braghieri e molti altri mi hanno prestato soccorso e poi hanno tentato di rintracciare il CODARDO, ma nulla, era svanito.

Questo articolo serve per farti capire, caro MISTER C, che ti conviene identificarti, chiunque può sbagliare, però lasciare un surfista ferito e magari in pericolo di vita in acqua senza prestargli soccorso, dopo che tu hai causato l’incidente, è un reato, si chiama OMISSIONE DI SOCCORSO.
Sappi che io so chi sei, ti ho visto in faccia, anche se non so il tuo nome e cognome, presto o tardi qualcuno ti identificherà se non io stesso. Ti conviene identificarti, faresti un bella figura dopo tanta vergogna.
Diversamente, ti conviene cambiare ambiente, tutti hanno saputo dell’accaduto e ti assicuro che non è finita così. Ultima cosa, la mia tavola ha subito un notevole danno a seguito dell’impatto, quindi oltre ai miei danni FISICI ci sono anche i danni ALLA MIA ATTREZZATURA grazie a te.
Qui è documentato tutto con fotografie.

11 Comments

  • Ott 15,2010
    new zizza guelfin

    carissimo Paolo fatti forza!

    un paio di cose chi non ti conosce fuori dall’acqua puo’…avere un immagine falsata, la tua grinta e lo sguardo della tigre son per te necessari per tirare fuori la forza nei salti e nelle manovre…io ed altri amici, sappiamo della tuo carattere mite e gentile quando sei fuori dall’acqua..insomma un po’ dottor jakil e mr. hide….per contro devo dirti che in acqua se anche incrociamo una persona che magari cadendo ci impedisce di provare un salto…l’imprecazione ci sta, ma si deve aver pazienza…fidando un po’ nel fato, sono portato a credere che non era destino la potessimo fare tutto qua…

    penso sempre che è piu’ importante poterla provare un’altro momento che non poterlo mai piu’…

    sai cosa provo per te e quanto ti sono affezionato…a presto Paolo Biondanik

    guelfo zizza

    Reply
  • Ott 13,2010
    Ginolatino

    Ho sentito io stesso il papa’ di Marco stamattina.
    E’ ininfluente il fatto che chi ti ha scritto non sia il Marco che conosciamo.
    Non so come fai a pensare che io non nutra simpatia nei tuoi confronti poiche’ il rapporto che abbiamo si limita al puro saluto.
    Come ti ho gia’ scritto non era mia intenzione offenderti specialmente in questo momento, pero’ la tua risposta a Marco l’ ho letta come un ” e’ colpa tua , dovevi starmi lontano ! “.Continuo ad essere veramente dispiaciuto per quello che ti e’ successo e per come si e’ comportato mister “C”,la posizione dell’ impatto mi fa venire i brividi,penso all’ arteria femorale in primis.

    Reply
  • Ott 13,2010
    G4

    Io nn conosco nessuno di voi,stà di fatto che cè una bella differenza tra evitare una collisione e centrare qualcuno e nn prestare soccorso!!
    siamo in acqua per divertirci e aiutarci in caso di necssità.

    Reply
  • Ott 13,2010
    paolobiondani

    GINOLATINO, so che non nutri molta simpatia nei miei confronti, quello che scrivi ne è un esempio,in un momento così ” triste” tra l’altro, comunque hai commesso un errore madornale perchè il tizio che qui si firma “MARCO FERRARI” non è certo il mio amico da sempre X27,il vero Marco Ferrari. In effetti stamattina mi ha parlato telefonicamente il babbo di Marcolino dicendomi che non è certo suo figlio che h scritto quel commento “maligno”. All’ordine del giorno quando sono in acqua succede se la gente mi corre appresso o mi punta, e comunque tutti possiamo sbagliare.Per divertirsi in acqua bisogna prima di tutto avere buon senso e conoscere alcune “regole”,poi rispettare chi magari invece di andare solo avanti e indietro vuol provare manovre o salti,dico rispettare nel senso di capire che ogni “manovra” richiede un certo “spazio” e noi surfisti lo sappiamo bene questo! altrimenti sarebbe tutta una collisione!

    Reply
  • Ott 12,2010
    Ginolatino

    Paolo,conosci di sicuro Marco,tra il resto e’ un giovane “figlio d’ arte” avrai modo di parlargli a Malce o a Sottomarina, spero presto, quando ti riprenderai.
    Domenica appena uscito sentivo tutti parlare di cosa ti era successo, le foto sono impressionanti.
    A prescindere da tutto ( mi scuso sia per l o.t. sia con te perche’ non vorrei recarti offesa in questo brutto momento) mi sento di spezzare una lancia a favore di Marco poiche’ episodi come quello che ha descritto sono all’ ordine del giorno quando sei in acqua.
    Tu sarai sicuramente consapevole che ti guardiamo tutti con rispetto e stima per le tue capacita’ e per la tua esperienza, noi pero’ facciamo surf per divertirci nel limite delle nostre capacita’.
    Spero si risolva tutto al piu’ presto, soprattutto per quanto riguarda la tua condizione fisica che poi e’ la cosa piu’ importante. Un saluto !

    Reply
  • Ott 12,2010
    Ginolatino

    Paolo,conosci di sicuro Marco,tra il resto e’ un giovane “figlio d’ arte” avrai modo di parlargli a Malce o a Sottomarina spero presto
    Domenica appena uscito dall’ acqua tutti parlavano di cosa ti era successo, le foto sono impressionanti.
    ti auguro di riprenderti presto.

    Reply
  • Ott 12,2010
    paolobiondani

    ciao Marco Ferrari, anche se non ti conosco(gradirei magari ci parlassimo al telefono) mi ricordo dell’episodio e ti chiedo scusa ma non è vero che ti ho guardato con sguardo schifato, alle volte io in acqua sembro aggressivo, è vero, ma non ce l’avevo minimamente con te. Comunque visto che dici che io l’ho fatto perchè sn +bravo, ti do un consiglio che personalmente metto sempre in atto quando navigo : non stare mai dietro un altro surfista sopra o sottovento o nella stessa traiettoria a meno di 10mt di distanza(indicativamente) per qualsiasi cosa possa succedere, o x qualsiasi manovra egli possa compiere, ci sono manovre downwind e upwind e se tu sei nella traiettoria puoi interferire. Nel nostro caso controllavo un altro surfista che avevo sopravento e volendo io virare, non ci sn riuscito e così ho strambato, e ho interferito con la tua traiettoria…purtroppo queste cose succedono quando siamo in tanti in acqua,vorrà dire che la prossima volta sarò io ad evitarti.se mi lasci il tuo num di tel ci sentiamo!!

    Reply
  • Ott 12,2010
    ferrari marco

    sicuramente mister C ha sbagliato alla grande conportandosi cosi nei tuoi confronti,ma io sono entrato per commentare il tuo comportamento nei miei confronti avvenuto forse un ora prima:tu sopravento io sotto distanza meno di 10 metri hai strambato senza nemmeno guardare se c’era campo libero,io ho dovuto orzare per non scontrarmi con te finendo chiaramente in acqua,tu non ti sei nemmeno degnato di scusarti anzi mi hai schifato con lo sguardo e hai proseguito!ok nessun problema ne fisico ne materiale ma non ci si comporta cosi solo perche si e’ molto bravi a surfare,questo solo per dire che in acqua siamo la tutti per divertirci.
    ti auguro di trovare mister C.

    Reply
  • Ott 12,2010
    valentina

    Mi spiace un sacco per l’accaduto, è vergognoso e fortunatamente non è andata peggio… Per quello che può servire io lho condiviso su facebook. Spero la contusione guarisca in fretta!
    valentina

    Reply
  • Ott 11,2010
    Nic

    Grazie mille!!! anche Lorenzo (Windcam) l’ha messo sul suo sito….
    a mio avviso basterebbe che la persona in causa si mettesse in contatto con Paolo ondaveloce@yahoo.it o con me che gli giro il numero di cell. per chiarire le cose ed affrontare da persona civile la situazione ed assumersi le responsabilità del caso…la discussione sulle responsabilità dello scontro poteva essere tranquillamente (o quasi) affrontata in spiaggia…qui il problema evidente è l’omissione di soccorso indipendentemente da chi ha torto o ragione.

    Reply
  • Ott 11,2010
    G4

    HO GIRATO IL LINK ANCHE SU http://WWW.WCV.IT

    Reply

Leave a comment

Top